All posts by Maria Lucia Riccioli

Maria Lucia Riccioli, nata nella città di Archimede, Santa Lucia ed Elio Vittorini, insegna Lettere negli Istituti superiori ed è stata docente di Lingua italiana e scrittura creativa del corso propedeutico al Seminario arcivescovile di Siracusa. Soprano in vari gruppi vocali, ha composto anche testi per musica ed ha inciso cd di classici natalizi e a tema religioso. Scrive da sempre in dialetto siciliano e in lingua, in versi e in prosa: aforismi, fiabe, novelle, racconti. È stata semifinalista al II Campionato nazionale della lingua italiana condotto da Luciano Rispoli (TMC). Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati su periodici e antologie e sul web. Vincitrice di concorsi, tra cui quello per le migliori recensioni dei romanzi di Agatha Christie de “Il Corriere della sera”, RomaNoir e le sfide letterarie di Porsche Italia, il suo racconto “Dossier Pinocchio”, vincitore di “Carabinieri in giallo 4”, ha aperto l’omonima antologia edita ne I Gialli Mondadori, serie oro (luglio 2011). Ha pubblicato il suo primo romanzo, “Ferita all’ala un’allodola” (Perrone Lab, 2011), insignito del Premio “Portopalo – Più a Sud di Tunisi” e apprezzato da pubblico e critica. Il libro è stato rieditato nel giugno 2013 da L’Erudita. RomaNoir e le sfide letterarie di Porsche Italia, il suo racconto “Dossier Pinocchio”, vincitore di “Carabinieri in giallo 4”, ha aperto l’omonima antologia edita ne I Gialli Mondadori, serie oro (luglio 2011). Ha pubblicato il suo primo romanzo, “Ferita all’ala un’allodola” (Perrone Lab, 2011), insignito del Premio “Portopalo – Più a Sud di Tunisi” e apprezzato da pubblico e critica. Il libro è stato rieditato nel giugno 2013 da L’Erudita ed è giunto finalista al Kaos Festival di Montallegro (AG) nel gennaio 2014. Ha pubblicato una raccolta di cunti siciliani, “Quannu ‘u Signuri passava p’ ’o munnu” (Algra Editore) e al Salone di Torino 2015 ha presentato la fiaba "La bananottera" (VerbaVolant edizioni). Citazione preferita: "In omnibus requiem quaesivi et nusquam inveni nisi in angulo cum libro".