Alexander Lernet-Holenia – “Lo stendardo”

Nato nel 1897 e morto nel 1976, viennese, Lernet-Holenia ha avuto l’opportunità di essere consapevole testimone del tramonto dell’impero e della nascita del mito asburgico, di quella sua sopravvivenza nella memoria, nel ricordo e nella nostalgia, che ha regalato alla letteratura mitteleuropea tante opere di inestimabile valore. La fine di un mondo ha il potere di racchiudere in sé, quasi miracolosamente illuminato, reso tangibile nella sua essenza, depurato da ogni orpello esteriore, ciò di cui era costituito, di fissare per sempre i suoi lineamenti, di renderli immediatamente riconoscibili. Non stupisce quindi il fatto di ritrovare tutto ciò nel romanzo “Lo stendardo”, opera del 1934, perché, come afferma Magris nel suo ricchissimo e fondamentale saggio “Il mito absburgico nella letteratura austriaca moderna”,Il mito asburgico, lungi dal morire con la fine dell’Impero, sembra anzi avere iniziato con questa la sua più suggestiva e interessante stagione”; d’altra parte il mito non si nutre certo di una realtà oggettiva, ma di memoria e di nostalgia, affidate alla parola. La grande tradizione della narrativa austriaca del Novecento appare permeata, definita e, addirittura, sconvolta da una trasformazione così radicale di tutta una civiltà, dal passaggio dalla sicurezza e dall’ordine, alla scoperta del disordine del mondo.

Lernet-Holenia riesce a rendere vivo il quadro dello sfacelo del mondo asburgico, grazie ad una grande facilità di scrittura, che non deve essere penalizzante (come se fosse quasi una colpa per uno scrittore dimostrare disinvoltura nell’utilizzo dei ferri del proprio mestiere). “Lo stendardo” è un romanzo ricco di suggestioni e di un senso di tragica fatalità. E’ alla dissoluzione dell’unità morale dell’esercito imperiale che l’autore affida il compito di tratteggiare lo scenario della rovina, così che il reggimento di cavalleria a cui il protagonista appartiene, tradizionalmente fiore all’occhiello e orgoglio della potenza asburgica, diventa, pagina dopo pagina, sempre più anacronistico e legato a valori e a pratiche ormai prive di senso. La nascita inarrestabile di risentimenti nazionali distrugge l’unità dell’esercito imperiale, ma, ben più drammaticamente, la capacità dei suoi ufficiali più sensibili e intelligenti di comprendere la realtà, di orientarsi e riconoscersi in ogni suo aspetto. Ecco perché aleggia nel romanzo una sorta di stanchezza spirituale, che colpisce l’alfiere, suo protagonista, tanto che persino la storia d’amore che dovrebbe costituirne la trama principale, risulta scialba e a tratti inconsistente. “Che cosa mai era successo, com’era possibile che il mondo fosse cambiato a tal punto? Ma era proprio cambiato, questo era un fatto. Certo, il suo aspetto era ancora il solito, i campi, le case, il cielo, la luna erano quelli di sempre, ma era mutato qualcosa che stava dietro le cose; ciò ch’era visibile era rimasto uguale, senza dubbio, ma l’invisibile era radicalmente cambiato, nell’animo degli uomini tutto un mondo si stava trasformando, dissolvendo, inabissando; questo lo avvertiva chiunque, persino il semplice contadino polacco che del mondo non aveva mai visto nulla o, se qualcosa aveva visto, non se n’era neppure accorto. Era una vera e propria fine del mondo”. Una struggente nostalgia e una costante sensazione di vivere fuori tempo, unite ad una sorta di fatalismo, unica spiegazione che l’autore sembra darsi della fine del mondo asburgico, sono nello stesso tempo i pregi e i limiti di questo romanzo, limiti che, però, appaiono a posteriori, alla luce della lettura di Joseph Roth e di Robert Musil. Il confronto è ingiusto e impietoso. Lernet-Holenia tratteggia l’irrimediabile fine dell’Austria felix, indicandone già le implicazioni spirituali, in Roth il mito asburgico diventa epico e la dissoluzione diventa metafisica e poesia, in Musil, infine, diventa rivoluzione ontologica e stilistica e la realtà solo un pretesto, ma siamo ormai in un altro mondo letterario.

 

 

 

Ex docente di Italiano e Latino nei trienni classico e scientifico, laurea alla Sapienza in Lettere classiche/Filologia classica. Lettrice onnivora della letteratura di ogni tempo e luogo. Spazio senza grosse difficoltà nei testi di autori di quasi tutto il mondo e dalle origini a fine Novecento. Poi delle opere recenti mi sono accorta che bisogna fare una selezione severa, per cui, nella sezione dei Classici tratto testi e autori, e anche avvenimenti afferenti alla cultura tout court, che si collocano prevalentemente fino alla fine del secolo scorso. Eccezionalmente mi interesso della produzione letteraria di scrittori europei e americani in odore di premio Nobel. Avendo svolto con amore il bel lavoro di docente di lingue e letterature, ho un'attenzione assoluta per la correttezza formale e per il rispetto delle regole linguistiche. In conclusione, ho letto, leggo e mi auguro di continuare a lungo a leggere non solo su carta, ma volentieri anche sul web, che è un'inesauribile miniera di informazione a 360°.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.