Molise come un canto

torre

Addio amore addio

domani parto

e torno in California!

 

Dammi ancora una notte d’amore

un frammento di cielo

un pugno di stelle

un lembo di terra…

 

Terra avara del Molise

nostalgia di querce solitarie

silenzi interrotti da nenie

tristezze diffuse nel vento…

Larino

 

Amore amore addio

domani parto

e torno in California!

 

L’addio

rende vane le parole

il pianto non fa argine

al dolore

amami tanto

amami ancora

domani parto

e torno in California.

 

Sarò lontana assai

in California

mi mancherà il tuo amore

in California

per me dolore e pianto

in California.

 

Amore mio addio

domani parto

e torno in California!

chiesa

 

Porto con me

le tue parole

la tenerezza

la nostalgia

il canto…

L’amore nel Molise

è come un canto.

 

Tu resti solo

caro sognatore

non sei l’audace

Jacopo Caldora

né un temerario

come il conte Cola

non sei l’ardito principe di Macchia

tu resti un solitario sognatore

un eremita come Celestino.

 

Amore mio addio

ormai è giunta l’ora

e vado via

ritorno sola sola

in California.

Mi porto

il tuo amore e il tuo Molise.

Molise, Molise,

Molise come un canto.

 

 EMI S.

Fiorenzo d'Evoli
Veneziano di nascita, discendente da antica famiglia proveniente dal vicereame di Napoli, ho operato presso diverse istituzioni culturali e universitarie. Ho trascorso alcuni anni della mia adolescenza e giovinezza nel Molise, terra alla quale sono rimasto sempre legato e nella quale spesso ritorno. Lì emotivamente e umanamente mi sono formato, lì ho sentito i primi indimenticabili sobbalzi del cuore, i sogni ineffabili ed anche i dolori dei primi innamoramenti giovanili. Ho coltivato con passione lo studio e la lettura dei classici latini e greci e dei grandi autori delle letterature europee e americane. Particolarmente ho esplorato la vasta produzione dei poeti di ogni tempo e di ogni paese. Attualmente mi dedico alla ricerca storica, per ricostruire eventi ed episodi non ancora adeguatamente conosciuti. Gli otia subentrati ai negotia mi hanno concesso finalmente di mettere ordine nelle mie carte e di rivisitare un Canzoniere cui mi ero dedicato in un numero ben preciso di anni, chiaro nella memoria, ma molto lontano nel tempo. Leopardianamente, ho dato a quelle composizioni il titolo di “Frammenti di canzoni”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.