“L’inganno dell’ippocastano” di Mariano Sabatini

 

Mariano Sabatini, già autore per la Rai e TMC, è giornalista e (temuto) critico televisivo.

In questo suo esordio letterario, “L’inganno dell’ippocastano”, uscito per i tipi di Salani editore, muove da realtà che ben conosce – la vita di redazione, atmosfera e sfondo dell’esistenza dei suoi protagonisti – per poi condurci in una Roma tentacolare, invernale e corrotta come da metastasi di male, trasfigurata nelle pagine di questo noir salutato dagli auspici, tra l’altro, di penne come quelle di De Giovanni e De Cataldo.

Ascanio Restelli, imprenditore che ben rappresenta il marcio che ci è purtroppo divenuto famiiare grazie alle inchieste su Roma Capitale, viene assassinato brutalmente e diremmo quasi ritualmente nella sua villa. Parallelamente alle indagini ufficiali del vicequestore aggiunto Jacopo Guerci si snoda il percorso sotterraneo – ctonio, quasi da linea di una metropolitana fantasma – dei giornalisti Viola Ornaghi, donna ferita da una dolorosa separazione, e Leo Malinverno, cronista e scrittore viveur ma sensibile e acuto.

Scrittura vivace, felicemente descrittiva, lettura piacevole, che secondo i costumi dell’autore spesso loda o stiletta programmi televisivi e libri, come nel caso dei tossici telesalotti, di Sergio Romano o di “zio” Luciano Rispoli e del professor Gian Luigi Beccaria, che insieme ad Anna Carlucci hanno fatto un pezzo di storia della televisione italiana con “Parola mia”.

Due domande al volo all’autore.

Un commento sulle elezioni del nuovo sindaco di Roma (della serie la realtà e la fantasia si intrecciano con misteriosi legami letterari). 

“I romani hanno dimostrato di puntare al cambiamento, peccato che spesso cambiare non vuol dire migliorare. Non ho nessuna fiducia nell’ipotesi Virginia Raggi. Roma è una città allo sbando, difficile che si possa risollevare senza un sindaco che abbia alle spalle un solido apparato che possa vantare esperienza e professionalità. A differenza di Berlusconi che invoca il fare, penso si dovrebbe privilegiare il saper fare”.

Contento dei riscontri del tuo romanzo? 

“Sono molto felice di come sta andando, anche perché dopo due settimane il romanzo era già in seconda edizione. Ciò vuol dire che piace. I commenti dei lettori mi aiutano a comprendere cosa ho scritto e mi fa piacere che molti dei personaggi rimangono impressi. Tutti mi chiedono quando uscirà la prossima avventura di Leo Malinverno, la cosa mi sprona a rimettermi al pc, anche se ora sono molto preso dalla promozione di questo.  Purtroppo se i libri non li assisti muoiono sugli scaffali delle librerie”.

 

Maria Lucia Riccioli, nata nella città di Archimede, Santa Lucia ed Elio Vittorini, insegna Lettere negli Istituti superiori ed è stata docente di Lingua italiana e scrittura creativa del corso propedeutico al Seminario arcivescovile di Siracusa. Soprano in vari gruppi vocali, ha composto anche testi per musica ed ha inciso cd di classici natalizi e a tema religioso. Scrive da sempre in dialetto siciliano e in lingua, in versi e in prosa: aforismi, fiabe, novelle, racconti. È stata semifinalista al II Campionato nazionale della lingua italiana condotto da Luciano Rispoli (TMC). Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati su periodici e antologie e sul web. Vincitrice di concorsi, tra cui quello per le migliori recensioni dei romanzi di Agatha Christie de “Il Corriere della sera”, RomaNoir e le sfide letterarie di Porsche Italia, il suo racconto “Dossier Pinocchio”, vincitore di “Carabinieri in giallo 4”, ha aperto l’omonima antologia edita ne I Gialli Mondadori, serie oro (luglio 2011). Ha pubblicato il suo primo romanzo, “Ferita all’ala un’allodola” (Perrone Lab, 2011), insignito del Premio “Portopalo – Più a Sud di Tunisi” e apprezzato da pubblico e critica. Il libro è stato rieditato nel giugno 2013 da L’Erudita. RomaNoir e le sfide letterarie di Porsche Italia, il suo racconto “Dossier Pinocchio”, vincitore di “Carabinieri in giallo 4”, ha aperto l’omonima antologia edita ne I Gialli Mondadori, serie oro (luglio 2011). Ha pubblicato il suo primo romanzo, “Ferita all’ala un’allodola” (Perrone Lab, 2011), insignito del Premio “Portopalo – Più a Sud di Tunisi” e apprezzato da pubblico e critica. Il libro è stato rieditato nel giugno 2013 da L’Erudita ed è giunto finalista al Kaos Festival di Montallegro (AG) nel gennaio 2014. Ha pubblicato una raccolta di cunti siciliani, “Quannu ‘u Signuri passava p’ ’o munnu” (Algra Editore) e al Salone di Torino 2015 ha presentato la fiaba "La bananottera" (VerbaVolant edizioni). Citazione preferita: "In omnibus requiem quaesivi et nusquam inveni nisi in angulo cum libro".

4 Comments

  1. http://www./

    16/12/2016 at 08:42

    C’è solo una questione che mi domando: perchè cambiare l’immagine da oggi a ieri eliminando l’ombra dell’anomalia? (è stato fatto dalla NASA, l’immagine ad alta risoluzione di ieri era 207431main_sol1369a-ana-20080102-hires.tif, mentre quella scaricabile oggi è 207432main_sol1369a-F-20080102-hires.tif e osservando l’anomalia è sparita l’ombra che proiettava dietro di sé)

  2. kredit bank ohne sicherheit

    08/02/2017 at 16:46

    naturally like your web-site but you need to test the spelling on quite a few of your posts. A number of them are rife with spelling issues and I find it very troublesome to inform the reality then again I will definitely come back again.

  3. The guy may have been a stoner, but – ironically – it is I who needs a joint after getting all frustrated just reading this. I would have probably been overly polite like you, but how irritating!May I feign insult for one moment and ask, would this have all made sense if it were a fat midwesterner? Just stickin’ up for the midwest in hopes that the midwest will one day stick up for me.The NVR Guys recently posted..

  4. http://www.coinsgenerator.us/

    14/02/2017 at 16:38

    I’m not easily impressed. . . but that’s impressing me! 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

'