.



I Classici

Eventi

21/07/2014 - Scade il 10 agosto il termine ultimo per iscriversi alla IV edizione del “Premio Franz Kafka Italia” Un concorso letterario dedicato all ... +++ 14/07/2014 - A Salerno, nelle grotte di Castelcivita, fino al 26 settembre, si terrà lo spettacolo “L’Inferno di Dante” Una rappresentazione emozionante e ... +++ 13/07/2014 - “Lettere d’amore”. Con il “Corriere della Sera” la passione raccontata dai grandi artisti del nostro tempo. È un vorticoso abisso di emozioni, ... +++ 10/07/2014 - Grande scalpore per la conferenza “Expo e Arte” alla “Milano Art Gallery” con protagonisti Filippo Del Corno e Alessandro Meluzzi La rinomata “Milano Art Galle ... +++ 08/07/2014 - “Milano Art Gallery” espone il cielo astrale di Giuseppe Santonocito Il talentuoso pittore contemporaneo ... +++ 07/07/2014 - Dal 9 al 12 luglio, a Polignano a Mare si terrà l’edizione 2014 del Festival “Il libro possibile” Quattro giornate in cui appassionat ... +++ 05/07/2014 - L’Angolo della Poesia 2014 Giunge quest’anno alla sua quarta ... +++ 04/07/2014 - Le suggestive composizioni floreali di Angelica Cioppa in esposizione a “Spoleto Arte” Le mostre di “Spoleto Arte ... +++ 30/06/2014 - Pasolini in mostra a Roma, presso il Palazzo delle esposizioni, fino al 20 luglio Una mostra che mira ad essere un ra ... +++ 23/06/2014 - A Roma, fino al 26 giugno, presso la Galleria Varsi, in mostra l’arte del lettering di “Blade, King of graf” Lo studio delle lettere e della cal ... +++ 16/06/2014 - Oggi, presso il Teatro Antigone di Roma, si terrà lo spettacolo “I Fabulanti: fiabe dinamiche di seconda mano” Un modo di fare spettacolo diverso ... +++ 09/06/2014 - Mercoledì, presso il Caffè Letterario Mangiaparole a Roma, sarà presentato il libro “Confini Mutevoli” L'autrice romana, Maria Letizia Ava ... +++ 02/06/2014 - A Roma, fino al sette giugno, si terrà la Mostra collettiva “De Rerum Natura” Attingere dal poema di Lucrezio per ... +++ 26/05/2014 - Oggi, presso il Piccolo Teatro di Bari Eugenio D’Attoma, si terrà lo spettacolo “Fiabe senza frontiere” Uno spettacolo teatrale per raccont ... +++ 19/05/2014 - Domani, nell’ambito della campagna nazionale “Il maggio dei libri” sarà presentato il libro di Romana Petri “Giorni di spasimato amore” Una rassegna culturale rivolta ai s ... +++ 16/05/2014 - L’Avv. Carra ammiratore della mostra di Laudadio alla Milano Art Gallery Recentemente ha inaugurato presso l ... +++ 15/05/2014 - A partecipare come ospitante alla mostra di José Dalì alla Milano Art Gallery anche il magistrale Avv. Marco Carra L’Avv. Marco Carra, Domenica ... +++ 15/05/2014 - Josè Dalì a “Chiambretti Supermarket” su Italia Uno parla del conosciutissimo Salvador Dalì e della sua personale alla Milano Art Gallery In occasione della prima puntata de ... +++ 12/05/2014 - Mercoledì, presso la Feltrinelli di Bari, sarà presentato il libro “La vita è un colpo secco” Un instant book che cerca, attraver ... +++ 06/05/2014 - Oggi, presso il Piccolo Teatro di Bari “Eugenio D’Attoma”, si terrà lo spettacolo “Fiabe senza frontiere” COSA: Spettacolo teatrale “Fi ... +++ webdesign


Articolo di
Scritto il 12 luglio, alle 09 : 34 AM
Stampa l'articolo

Il grande poeta racconta la propria inquietudine, e il suo graduale processo di separazione dalla realtà.

“I quaderni di Malte Laurids Brigge” di Rainer Maria Rilke

“I quaderni di Malte Laurids Brigge” di Rainer Maria Rilke


Se volessimo trovare una formula che definisca sinteticamente Rainer Maria Rilke, nessuna parrebbe più calzante della seguente: il poeta dell’inquietudine moderna. Il ritmo della sua vita e della sua poesia è un continuo oscillare tra le cose e Dio. Qualcuno ha azzardato un’analisi psichiatrica attraverso il suo corpus letterario, e questa tremenda condizione psichica, la “neurosi d’angoscia” in termini freudiani, prorompe nel dramma umano di Rilke con accessi acutissimi di crisi. I Quaderni di Malte Laurids Brigge possiamo vederli come il tragico documento letterario di un naufragio che si concluderà nel grembo della propria psiche.

Non è facile quindi pensare ai Quaderni come una sorta di diario di un dissociato psichico, incapace di ordinare il proprio disordine interiore. In balia delle onde, mosso dall’oceano mutevole del proprio lirismo, le esperienze reali diventano trasfigurazioni della fantasia, e la fantasia una proiezione dell’esperienza reale, in un amalgama contenente sogni e deliri, ricordi d’infanzia, massime filosofiche, immagini lugubri o romantiche, impressioni di viaggio, rievocazioni di personaggi storici, e poi angosce, impeti emotivi, abbandoni, estasi e pianti. Tutto questo senza alcuna logica, una linea di progressione o un criterio di successione.

Il lirismo rilkiano abbatte, dall’interno, tutti i compartimenti stagni della propria coscienza, e spezza, dall’esterno, ogni possibile legame con la realtà. È il tentativo estremo di gettare nuova luce sui frammenti indefinibili, e impercettibili, del subconscio umano; un’enorme grande luce fatta d’innumerevoli colori, tanti quanti i suoi turbamenti, avvolge e sovrasta quel mondo fatto di impulsi e repulsioni, di ripugnanze e di simpatie, di entusiasmi e di paure, che affollano il fondo dei nostri istinti e della nostra vita, e che determinano, a volte, il flusso inesorabile del nostro destino. Quindi un libro, per sua stessa natura, difficile da definire: né diario vero e proprio, né romanzo, né autobiografia, né libro di meditazione, ma necessariamente tutto questo ed altro ancora.

Definito in questi termini, il mondo poetico dei Quaderni potrebbe essere immaginato come un susseguirsi di sogni e di fantasia,  e si rischia di cadere nell’equivoco più grande, cioè ridurne la complessità. Ed è effettivamente un’opera che costringe il lettore non solo ad essere letta ma anche interpretata. Leggerla è come guardare un cielo stellato ad occhio nudo; cercare d’interpretarla, invece, è guardare lo stesso cielo con un telescopio, e osservare, come in un incantesimo, quegli innumerevoli particolari che ad occhio nudo erano invisibili.

Ciò che Rilke ha compiuto, entro il mito di Malte Laurids Brigge, in un analogo processo, è il cammino del figliol prodigo della famosa parabola biblica, cioè prima il distacco dal mondo, poi un ritorno al passato e alla fine un avvicinamento all’amore perfetto, cioè Dio. Ciò che i Quaderni, inconsapevolmente, annunciano è quello che per quasi due millenni ha fatto la tradizione filosofica occidentale, dall’antica Grecia agli illuministi di fine ‘700: il distacco dal materialismo effimero della vita e il ritrovamento dell’anima nell’eternità di Dio, l’immortalità dell’anima e la finitezza del corpo, una dimensione soprasensibile e una sensibile, una concezione metafisica dell’esistenza e una verità intangibile. Il cammino di Malte, protagonista ed alter ego, conduce a una realtà esteriore e lontana dall’intimità e dalla consapevolezza del proprio , in cui non si è più compresi da nessuno, ma attraverso cui si comprende ciò che gli uomini disprezzano e temono più di ogni altra cosa: la solitudine.

Così il dramma umano di Rilke rappresenta insieme il naufragio dell’inquietudine e il salvataggio nella divinità, cioè nell’unità eterna di Dio. Ma questa necessità inquieta della quiete, questa ricerca della Verità e della Conoscenza, e quindi della Felicità, risultano essere, dall’inizio dei tempi, il passaporto alla Vita dell’Umanità intera, e di cui Rilke  è stato il portavoce e uno dei più grandi simboli dell’Europa moderna.

QR:  “I quaderni di Malte Laurids Brigge” di Rainer Maria Rilke

Inquadra questo Qr-Code col tuo smartphone e porta con te l'articolo!



Commenti

Giuseppe Salzano


Continuo ancora a credere che a livello pedagogico e spirituale un essere umano non può fare a meno della lettura. Ricordo ancora, tra le scartoffie della mia memoria, i fumetti che ogni settimana mio nonno mi faceva leggere: potevo perdermi tra le lande desolate del West con Tex Willer, gli enigmi di Martin Mystere, le inquietanti indagini di Dylan Dog, o nelle avventure sui mari ricche di fascino e poesia di Hugo Pratt e del suo Corto Maltese. Poi ecco che ad un tratto salgono in cattedra Salgari, Melville, Jules Verne, Walter Scott, le leggende di Re Artù e dei suoi cavalieri, tutti nel coacervo baule della mia fantasia, che si cibava di grandiose immagini e di mirabolanti imprese, sensazioni adesso del tutto indescrivibili, se non da quel bambino abulico di storie e sogni, che non poteva vivere se non col desiderio di ritornare a casa dopo una dura giornata di scuola, chiudermi dentro la mia cameretta per farmi cullare da quelli che sono stati i miei punti di riferimento, gli eroi dell’infanzia, e di quell’infanzia che vive in ogni fase della nostra esistenza. La pace che può recare un buon libro è prima di tutto una medicina, un’auto – terapia da imporsi come legge religiosa, una rivelazione traboccante d’informazioni per la nostra percezione. Una panacea per la nostra coscienza, sempre più auto lenitiva e sempre meno critica e analitica nell’approccio ad ogni tipo di relazione umana. Oggi c’è rimasta la pomposa dittatura della cultura di massa, mossa dalla presunzione di saper giudicare e scegliere quale sia per noi il concetto della bellezza. Io da piccolo scelsi il miracolo letterario. Fatelo anche voi per i vostri figli.


La pagina di
Giuseppe Salzano
.


Articoli Collegati



Letteratu.it mette insieme scrittori emergenti e affermati, notizie di cultura, eventi e attualità, recensioni e riflessioni sul mondo della letteratura.